Category: nuove rotte

Turkish Airlines supera le 300 destinazioni mondiali.

Boeing 737-900 di Turksih Airlines in fase di atterraggio – © Mehmet Celbis

[google translator]

Alla fine del mese di febbraio 2018 Turkish Airlines ha annunciato un nuovo collegamento diretto da Istanbul a Freetown, in Sierra Leone. Si tratta di un altro record per la compagnia: 121 paesi collegati e un totale di 301 destinazioni raggiunte nel pianeta. Nessuna compagnia aerea collega così tanti paesi. Decisamente staccata è la seconda  in classifica, Lufthansa, che vola verso 83 paesi, mentre Air France e British Airways, al terzo posto a pari merito, volano verso 78 paesi diversi.

I voli da Istanbul IST verso Lungi International Airport di Freetown FNA sono operativi due volte la settimana: martedì e sabato, e vengono compiuti con velivoli Boeing 737-900.

Si tratta della destinazione africana numero 52 per TK, che consolida così il predominio aereo sul continente e rafforza la strategia di connettere con un solo stop-over il continente Nordamericano e destinazioni difficili da raggiungere in Africa.

L’agenzia di valutazioni Skytrax ha nominato Turkish Airlines migliore compagnia mondiale per il sesto anno consecutivo, tra il 2011 e il 2016, e migliore compagnia del Sud Europa per 9 anni consecutivi nel 2017.

Inoltre, poco prima dell’annuncio della nuova destinazione, l’agenzia di viaggi online eDreams ha annunciato il risultato del sondaggio compiuto tra i suoi clienti, e Turkish ha conquistato il gradino più alto del podio per ospitalità, cortesia del personale di bordo, modernità dei velivoli, relax e confort della VIP lounge, migliore rapporto qualità prezzo. Al secondo posto si è classificata la compagnia greca Aegean Airlines, quindi al terzo la svizzera Swiss International Airlines.

Tutte e tre le compagnie fanno parte di Star Alliance.

Alitalia taglia la rotta su Abu Dhabi.

gli Etihad Airways Partners sono in dissoluzione

    Siamo alla fine della bella favola, quando il mondo degli Etihad Airways Partners passava da Abu Dhabi e tutti volavano alti, lontano, felici e contenti.

    La novità, per noi della Penisola, è che anche Alitalia ha deciso di ritirarsi dalla rotta. Se le prenotazioni erano state precedentemente chiuse al 28 ottobre di quest’anno, ora è stato deciso che la saracinesca si abbasserà definitivamente il 25 marzo 2018.

    Al momento, e ancora per pochissimo, AZ connette Roma FCO con Abu Dhabi AUH con un volo quotidiano, e Milano MXP con un volo settimanale; entrambe le tratte sono operate con Airbus A330. Ciò non significa che da fine marzo non ci saranno voli diretti, Etihad continuerà ad operare sulle rotte, ma la dice lunga sulla reale utilità e successo presso il pubblico. Ricordiamo come Alitalia si trovi al momento in un limbo, tra color che son sospesi tra la bancarotta, dichiarata, e i potenziali acquirenti.

    E gli altri partner dell’alleanza. Beh, di sicuro non gli va meglio. airberlin non vola più su Abu Dhabi, e su nessun’altra destinazione; Air Seychelles è in via di ristrutturazione e taglia le rotte internazionali come Parigi e Antananarivo per concentrarsi su quelle molto locali tra le isole con una flotta ridotta a due soli Airbus A320neo; Air Serbia pare al punto di annunciare una pesante ristrutturazione; Jet Airways è soggetta a speculazioni che vedono EY ritirarsi dall’investimento.

    Il progetto dei Partners si è rivelato totalmente e inequivocabilmente fallimentare dopo neppure due anni di vita (leggi qui). La partecipazione azionaria in compagnie minori per poi trasformarle negli elementi di un network non è di per sé un concetto sbagliato, ma forse, con il senno di poi, sono stati i bacini di utenza ridotti e la storica bassa performance delle compagnie riunite a pesare sull’esito positivo. A volte non bastano le buone intenzioni e nemmeno i milioni.