10 errori da non fare: perché Aerolineas Argentinas è un pozzo nero.

Aerolíneas-Argentinas-Airbus-A340-300-LV-CSX-en-Ezeiza

Aerolineas Argentinas, nazionalizzata nel 2008, è considerata la compagnia di bandiera argentina; perde 2,5 milioni di dollari al giorno. Lo Stato possiede anche Austral, seconda compagnia del Paese. Questi di seguito sono 10 errori che nessuna compagnia aerea bene amministrata dove commettere se vuole generare un profitto.

1 – Aerei vecchi. Aerolineas acquisisce un Airbus A340 quando Airbus ne cessa la produzione; i pezzi di ricambio di un aereo fuori produzione costano il triplo. Altri aerei noleggiati non sono nuovi: gli Airbus hanno una media superiore ai 17 anni, e i Boeing 737 quasi 9. L’uso di un apparecchio è conveniente solo nei primi 10 anni di vita.

2 – Aerei inutili. Nel maggio 2012 la Presidente, Cristina Fernandez de Kirchner, accompagnata da una delegazione di impresari, è volata in Angola a bordo di un Boeing 747 noleggiato per l’occasione. Il leasing si pagherà sino al 2014, ma l’aereo, come altri d’altronde, è parcheggiato inutilizzato.

3 – Aerei di poca capacità e alto costo operativo. Le rotte internazionali hanno alto costo operativo, per essere funzionali devono trasportare un elevato numero di passeggeri in aerei  a grande capacità. La rotta Buenos Aires EZE – Madrid MAD diventa conveniente sopra i 320 passeggeri trasportati, attualmente è coperta da un A340 che ha solo 280 posti; il B747 potrebbe servire, ma non viene usato.

4 – Flotta eterogenea. Per una compagnia con meno di 100 aeronavi, considerando Aerolineas e Austral combinate, avere 3 diversi tipi di aerei è troppo costoso, triplica il costo di mantenimento, di capacitazione dei meccanici, dei piloti, etc.

5 – Aerei non funzionali. Sono stati comprati Embraer, aerei a raggio medio corto, per unire un Paese che si estende per 5000km.

6 – Costi gestionali. Nonostante abbiano lo stesso proprietario, lo Stato, Aerolineas e Austral sono gestite come due compagnie distinte, con operatività, mantenimento e equipaggi separati. In casi come questo la fusione comporta risparmi e ottimizzazioni varie.

7 – Prodotti non concorrenziali. Il grosso margine di guadagno si fa con i passeggeri di prima e business class, quando queste sono piene si possono vendere i posti di economy a prezzi ridotti e riempire così il volo. Ma le prime due classi si vendono solo se si offre un prodotto concorrenziale, che Aerolineas non ha, perdendo così il mercato, ad esempio sul Nordamerica, a scapito di American Airlines.

8 – Trasporto limitato. Aerolineas non accetta trasporto di cargo, che gli utenti sono costretti a fare volare con LAN e American Airlines.

9 – Mancanza di convenienza. Il costo dei voli domestici è elevato per la funzionalità e servizio delle rotte.

10 – Destinazioni. Non ci sono voli internazionali a destinazioni strategiche. Sydney SYD – Auckland AKL – Buenos Aires EZE è un volo con grandi perdite che termina in Argentina, se proseguisse per Londra o in connessione per altre città europee offrirebbe una alternativa più corta alla Kangaroo Route. Manca pure un volo a Los Angeles, dove si trova la più grande comunità argentina degli Usa. Il volo a New York JFK, AR1300, è servito da 2 Airbus A330 di 13 e 14 anni di anzianità, presi in leasing a 300mila dollari  al mese ciascuno.

 (da Dario Mizrahi / InfoBAE)

5 comments for “10 errori da non fare: perché Aerolineas Argentinas è un pozzo nero.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *