Wizz Air assegna i posti automaticamente e gratuitamente.

WizzAir A320

    In una scelta che di sicuro verrà bene accolta dai viaggiatori, su rotte selezionate dal 4 maggio e sull’intero network dal 19 dello stesso mese, Wizz Air W6, compagnia low-cost, ha annunciato che introdurrà l’assegnazione automatica e gratuita dei posti a bordo.

    Quando possibile Wizz Air assegnerà posti adiacenti a passeggeri che viaggiano insieme, mentre per il cambio dell’assegnazione automatica, entro le 3 ore dalla partenza del volo, è previsto il costo di 1 euro. Il cambio potrà essere effettuato sul sito wizzair.com o tramite l’applicazione mobile.

    I posti che sono generalmente preferiti, come quelli delle prime file per uno sbarco più rapido o quelli delle Exit Row con più spazio per le gambe, saranno soggetti ad un ricarico maggiore.

    I passeggeri di Wizz Premium e Wizz Privilege Pass continueranno a godere di posti assegnati gratuitamente e imbarco prioritario.

    Dll’8 aprile verrà anche ridotto il costo dell’imbarco prioritario a 2 euro.

    Ricordiamo come nel 2013 Wizz Air (leggi qui) risultò essere la LCC, compagnia low-cost, con il maggior ricavo ausiliario sul ricavato totale tra le LCC europee, ben il 34,9%.

    Wizz Air, che in Italia opera su ben 13 aeroporti, è la low-cost di riferimento in Europa per i collegamenti Est-Ovest del continente con 97 destinazioni servite.

    Wizz Air Ukraine, sussidiaria W6, cesserà di essere operativa dal 19 aprile 2015 a causa della persistente instabilità politica e sociale nella parte Orientale del Paese, della svalutazione e della estrema volatilità della moneta locale, delle limitazioni per il pagamento dei fornitori a causa del controllo sui cambi e delle incertezze e probabili restrizioni che la nuova ordinanza sull’aviazione potrebbe imporre.

    2 comments for “Wizz Air assegna i posti automaticamente e gratuitamente.

    1. April 23, 2015 at 3:46 pm

      I tempi d’oro delle LCC no-frills stanno finendo…

      • michelemolinari
        April 23, 2015 at 4:11 pm

        … ce ne sono tante, devono inventarsi qualcosa in più delle altre

    Leave a Reply

    Your email address will not be published. Required fields are marked *