Modifiche al Visa Waiver Program per gli USA.

ESTA-language

Anche se è stagione di disgelo nucleare tra Iran e Stati Uniti, ciò non implica che i due stati siano diventati amici tutto d’un tratto … l’Iran è ancora nella lista degli Stati Canaglia. Prova ne è che dal 21 gennaio 2016 l’Iran, assieme a Iraq, Sudan e Siria, entra a far parte di una modifica al Visa Waiver Program Improvement and Terrorist Travel Protection Act of 2015. Ciò comporta verifiche ulteriori da parte del Dipartimento delle Dogane, incluso per i cittadini dei Paesi Visa Waiver Program VWP, tra i quali l’Italia, che possono richiedere l’autorizzazione elettronica all’ingresso tramite l’ESTA.

In pratica le modifiche riguardano:

– tutti coloro che sono stati in Iraq, Iran, Siria e Sudan a partire dal marzo 2011, compresi i cittadini dei Paesi  VWP, escluse alcune eccezioni per viaggi diplomatici o a scopi militari

– cittadini di Paesi VWP in possesso di doppia cittadinanza irachena, iraniana, siriana e sudanese.

Viene revocata, ai viaggiatori sopra citati, la possibilità di richiedere l’autorizzazione elettronica all’ingresso negli USA; i nuovi visti verranno richiesti tramite Ambasciate e Consolati. La modifica ha effetto retroattivo anche per chi è attualmente in possesso di un ESTA.

Le deroghe alla norma, limitate e valutate singolarmente, riguardano:

– viaggiatori che si sono recati nei suddetti Paesi per conto di organizzazioni internazionali o per conto di ONG umanitarie

– viaggiatori che si sono recati nei suddetti Paesi come giornalisti o per fini professionali.

.

Siete in partenza per gli Stati Uniti? Richiedete un ESTA o, se lo avete già, controllate lo stato del vostro qui.

Forse avete bisogno di un visto? Nel dubbio verificatelo qui.

Dove richiedere un visto di ingresso negli Stati Uniti: qui.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *