United Airlines investe sul biofuel, un poco.

UA biofuel

Anche se per il momento si tratta di una goccia nell’oceano, United Airlines ha deciso di investire nel biofuel generato da rifiuti agricoli e oli derivati da grassi animali.

In qualche fausto giorno di questa fine estate un apparecchio UA volerà tra Los Angeles LAX e San Francisco SFO con una miscela di kerosene avio e biofuel fornito da Fulcrum BioEnergy, uno dei più grandi produttori di carburanti bio per l’aviazione e nel quale United ha investito recentemente 30 milioni di dollari. Altro partner di Fulcrum è Cathay Pacific; CX usa una miscela avio con biofuel per alcuni suoi voli in partenza dagli USA.

L’esperimento durerà un paio di settimane, e se i tecnici ne saranno soddisfatti la miscela si estenderà ad altri apparecchi ed altre rotte. Come si diceva, è un nulla considerando che UA consuma quasi 15 milioni di litri di carburante l’anno per una spesa di circa 10 miliardi di euro, oltre 11 miliardi di dollari, ma è un passo avanti per la riduzione dell’uso di combustibili fossili ed emissione di gas responsabili dell’effetto serra.

Nulla cambierà per i passeggeri a bordo, stessi sedili stretti e cibo pessimo e a pagamento in economy, ma forse un po’ di orgoglio per il volare con una compagnia che cerca di ridurre spese e inquinamento.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *