Tag: New York EWR

Meridiana guarda agli USA con gli apparecchi di Qatar Airways.

Meridiana Boeing 767-200 all’aeroporto di Milano MXP

In sordina ma con passo fermo Qatar Airways continua la ristrutturazione di Meridiana al fine di salvaguardare un investimento per il quale ha avuto via libera nella primavera 2017 (leggi qui).

Al momento la compagnia fondata dall’Aga Khan ha in flotta 12 tra Boeing 737 e Boeing 767, apparecchi che superano i 21 anni di età media e che si spera verranno tutti dismessi con il rinnovamento della flotta annunciato per i prossimi anni e l’entrata in operazione dei Boeing 737 MAX e gli Airbus A330-200 forniti da Qatar.

I nuovi dirigenti si sono resi conto che il vero interesse per la compagnia sono i collegamenti internazionali, e se anche ci sarà un rafforzamento sulle tratte domestiche da Milano MXP per l’Italia centro-meridionale (Roma FCO, Napoli NAP, Palermo PMO, Catania CTA, Lamezia Terme SUF, Olbia OLB) e da Olbia OLB (Bergamo BGY, Bologna BLQ, Milano LIN e MXP, Torino TRN, Verona VRN, Venezia VCE, Roma FCO, Napoli NAP), le rotte di maggiore interesse sono quelle per gli USA.

A questo proposito, secondo la presentazione del nuovo network estivo 2018, pare che verranno tagliati i collegamenti diretti da Napoli e Palermo su New York, mentre verrà portato a giornaliero il collegamento da Milano MXP per New York JFK e a quattro voli settimanali quello dall’aeroporto milanese per Miami MIA.

Questi sono gli operativi dei voli:

dal 1 giugno 2018

IG901 da MXP per JFK partenza 13:10 arrivo 16:00

IG902 da JFK per MXP partenza 20:30 arrivo 10:35 (+1 giorno)

dal 8 giugno 2018

IG903 da MXP per MIA partenza 13:00 arrivo 17:45

IG904 da MIA per MXP partenza 19:45 arrivo 11:10 (+1 giorno)

La rotta su Miami è servita solo da American Airlines, mentre per il volo diretto su New York Meridiana si troverà in concorrenza con ben 5 compagnie: Alitalia, American Airlines, Delta, Emirates e United; le prime 4 volano su JFK, l’ultima vola su EWR.

Qatar Airways Airbus A330 in atterraggio all’aeroporto di Dacca DAC – photo © Abdul Kawnain / planespotters.net

I nuovi collegamenti intercontinentali verranno operati con Airbus A330-200, mentre sui voli a corto-medio raggio, Italia ed Europa, verranno introdotti i Boeing 737.

Sia gli Airbus che i Boeing saranno configurati in doppia classe, business ed economica, e si spera la business class avrà la configurazione offerta attualmente dagli stessi apparecchi di Qatar, con disposizione 2+2+2 e sedili reclinabili a 180°.

L’intenzione dei nuovi investitori pare quella di trasformare Meridiana in una compagnia di maggiore qualità di quanto non sia al presente, con forti basi sulla Penisola ma proiettata al ricco mercato dei collegamenti intercontinentali. Al fine di puntare sul brand italiano si vocifera che il nome Meridiana potrebbe venire sostituito da Air Italy, compagnia acquisita e integrata nel luglio 2011, ma che non ha lasciato buoni ricordi per i servizi e i collegamenti a singhiozzo.

Il nome Meridiana mi è sempre piaciuto, evoca viaggi e sole, non vedo perché cambiarlo. Scarterei decisamente l’ipotesi di sostituirlo con Air Italy, banale e provinciale sino alla morte. Piuttosto, se veramente si vuole innovare la compagnia da capo a piedi, anche il nome andrebbe ripensato totalmente.

Low-cost tra Roma a New York: a digiuno e zaino in spalla.

Norwegian Airlines B787 Dreamliner

Norwegian Air Shuttle è la prima compagnia che pratica una tariffa low-cost tra Italia e gli USA; giovedì 9 novembre il volo inaugurale Roma Fiumicino FCO – New York Newark EWR è decollato alle 17:25. (leggete qui per il post che lo segnalava già quest’estate)

La compagnia norvegese è da tre anni consecutivi considerata la migliore compagnia low-cost a lungo raggio al mondo e la migliore low-cost europea da ben cinque anni.

Di sicuro l’appeal del prezzo ridotto non passa mai di moda, ma cosa significa esattamente la tariffa scontatissima, dato che in effetti sullo stesso aeromobile, Boeing 787 con 291 posti a sedere di cui 259 in classe economica, è possibile salire anche pagando qualcosa di più. Allora, LowFare, la tariffa all’osso di Norwegian solo include il posto a bordo, che viene assegnato random dal computer per cui aspettatevi sempre la fila di mezzo e il posto lontano dagli amici o dal vostro lui/lei romantico/a, e un bagaglio a mano del peso non superiore ai 10kg e dimensioni non eccedenti 55x40x23cm. Tutto il resto, dico tutto, è a pagamento: scelta del posto 35€, bagaglio in stiva di peso non superiore ai 20kg per 50€, pasti e snack a bordo 35€, cuffiette 3€, coperta 5€. Passando direttamente alla tariffa superiore, LowFare+, sono inclusi posto + bagaglio + pasti, il pacchetto viene offerto a 70€ complessivi con un risparmio di 35€ rispetto agli acquisti separati. È interessante notare come il totale, in quest’ultimo caso, si traduca in una tariffa perfettamente allineata al mercato, ma con meno offerta considerando che altre compagnie, ne ho prese due a caso, Alitalia e Lufthansa, includono la possibilità  di accreditare miglia ai rispettivi programmi di frequent flyer.

Ecco gli operativi dei voli Roma FCO – New York NYC più nel dettaglio (l’aeroporto di arrivo può variare a secondo della compagnia). Per il viaggio ho scelto una settimana durante un mese di bassa stagione: 13-20 febbraio 2018. (la ricerca è stata effettuata lunedì 11 dicembre)

Norwegian

FCO – EWR

17:25 – 21:00 durata 9h35m

EWR – FCO

23:00 – 13:10 durata 8h10m

tariffa LowFare: 300€, posto a sedere non assegnato e bagaglio a mano max 10kg, no pasti o snack e posto non assegnato

tariffa LowFare+: 440€, 1 bagaglio a mano max 10kg, 1 bagaglio in stiva max 20kg, pasti e snack, scelta posto

Alitalia

FCO – JFK

10:35 – 14:25 durata 9h50m

JFK – FCO

16:55 – 07:10 durata 8h15m

tariffa EconomyPromo: 442€, 1 bagaglio a mano max 8kg, 1 bagaglio in stiva max 23kg, pasti e snack, scelta del posto, accredito MilleMiglia

Lufthansa (molti sono i voli, ho scelto quelli dai risultati più economici)

FCO – FRA – JFK 1 stop

08:40 – 15:40 durata 13h00m

EWR – FCO (operato da United Airlines)

17:35 – 08:50 durata 8h30m

EconomyBasic: 417€, 1 bagaglio a mano max 8kg, 1 bagaglio in stiva max 23kg, pasti e snack, scelta del posto, accredito Miles&More.

Come potete notare, solo nel caso estremo della tariffa senza bagaglio in stiva né fronzoli a bordo c’è vera convenienza nel volare Norwegian. Altra differenza rimarchevole sono gli orari dei voli: Norwegian parte e arriva tardi, e verosimilmente non sarete in albergo a Manhattan prima di mezzanotte, probabilmente anche oltre, perdendo così la prima serata in città.

Per il momento non ho mai volato Norwegian ma mi è stato detto che sono molto severi per quanto riguarda il peso delle valige e la distribuzione dei pasti a pagamento, che avvengono solo in alcuni orari e non è sempre disponibile quanto richiesto.

Sempre dalle stesse fonti mi è anche stato riferito di alcuni aspetti positivi del volare Norwegian: il personale di bordo è generalmente cortese e ben disposto e ogni posto è dotato di una presa USB. I Dreamliner, inoltre, offrono finestre più grandi e dimmerabili, mentre la maggiore umidità a bordo si traduce in minori effetti del jet-lag.

A voi la scelta.

TAP e le rotte Transatlantiche.

Relegata per anni ai margini dell’elenco delle compagnie aeree europee con le quali valesse la pena volare, TAP Transportes Aéreos Portugueses sembra essere tornata a nuova vita. Il novembre dello scorso anno l’Atlantic Gateway Consortium, capitanato da David Neeleman, il…