Haugesund HAU: l’aeroporto nella brughiera.

Google Chrome

L’aeroporto di Haugesund HAU, in Norvegia, è poco più che una striscia di asfalto nella brughiera di una penisola che si protende nel Mare del Nord, circondata da isolotti e scogli. Situato a circa 20 minuti di tragitto dal centro di Haugesund, ha visto passare nel 2012 662mila viaggiatori, dei quali solo un terzo internazionali.

I banchi di accettazione aprono solo in concomitanza dei voli e 2 ore prima del decollo, ma per quelli stagionali e low-cost verso le destinazioni del Sud Europa c’è gente in coda già 3 ore prima. Per fortuna che gli addetti al check-in sono cortesi e pazienti, così come chi si occupa del controllo ai metal detector e gli inservienti dell’unico bar e negozio di dolciumi, souvenir e giornali. I tavolini si affacciano su una grande vetrata prospicente alla pista, e c’è pure l’angolo Lego per i più piccoli.

Il Duty Free, di passaggio prima dei gate, offre poche curiosità.

Se volate con un posto numerato, o vi imbarcate con un Priority Boarding, non affannatevi per essere davanti alla fila, lasciate passare la ressa e arrivate più tardi, in aeroporto non c’è nulla da fare che bere un caffè guardando la pista … vuota.

.

Haugesund HAU airport, in Norway, is not much more than a landstrip surrounded by the moorland of the North Sea coast. About 20 minutes from downtown Haugesund had, in 2012, 662,000 passengers of which one third were international.

Check-in opens 2 hours before flights departure, but there’s people in line from 3 hours ahead when the destination is one of the LCC seasonal routes to Southern Europe. Luckily everybody working at the airport seems to be nice, smiling and very patient.

The only bar, which serves drinks, sandwiches, souvenirs and press, has tables overlooking the landing strip, empty for most of the time.

There’s a no interest Duty Free.

Suggestion, if you fly with an assigned seat or have a Priority Bording, take it easy and drive to the airport after the crowd has settled.

1 comment for “Haugesund HAU: l’aeroporto nella brughiera.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *