Estetica ed efficenza all’aeroporto di Bari BRI.

BRI

Guest blog di Monica Baldini.

L’aeroporto di Bari BRI, ufficialmente indicato come Karol Wojtyla ma spesso ancora chiamato Palese dalla maggior parte dei locali, è una meraviglia.

Ammetto di non esserne una assidua frequentatrice, quindi è molto probabile che le mie siano note cariche di un entusiasmo dettato dalla sorpresa, tuttavia ciò che ho visto all’arrivo di un volo nazionale mi ha letteralmente conquistata, soprattutto considerando che sino alla recente apertura del nuovo terminal, dotato di 4 finger per 18 complessive aree di sosta per aeromobili, sarebbe stato assolutamente impensabile.

Collegato a numerose destinazioni nazionali ed internazionali, servito da compagnie quali Alitalia AZ e British Airways BA, uniche tra le legacy, è destinazione di varie low-cost, tra le molte airBaltic BT, airberlin AB, easyJet U2, Germanwings 4U, Volotea V7 e hub di Ryanair FR.

La struttura di 5 livelli è imponente, esteticamente accattivante, moderna, caratterizzata da interni luminosi, comodi, sofisticati ed eleganti; i flussi di arrivo e partenza sono separati e situati su piani diversi. Il traffico passeggeri è di poco inferiore ai 4 milioni annui.

Il personale di terra è dotato di una cortesia che va bene oltre quella fredda, efficiente ma sbrigativa che le compagnie riescono mediamente ad ottenere attraverso i pochi cliché comportamentali richiesti in un corso base di customer care.

La velocità dei controlli di sicurezza è sorprendente sia per una gestione intelligente degli spazi agli imbarchi, nessun collo di bottiglia, sia per l’efficienza del personale.

Gli spazi per la ristorazione sono ampi e, soprattutto, collocati lontano dalle zone di transito, lasciando realmente a chi vi si accomoda la possibilità di godersi un momento di relax in un’atmosfera da lounge bar.

Nella hall degli arrivi si trova un ufficio informazioni.

Un servizio ferroviario connette velocemente l’aeroporto, attraverso un tunnel sotterraneo, con la stazione di Bari Centrale, anche questa sotterranea e collegata alla rete nazionale. Il finanziamento dell’infrastruttura si è reso possibile grazie agli investimenti della Regione Puglia, del Fondo Sociale Europeo e della società privata Ferrovie Appulo Lucane. Anche qui l’ampiezza degli spazi e la presenza di scale mobili, tapis roulant e monitor costantemente aggiornati sugli orari dei treni e delle coincidenze concorrono a rendere l’aeroporto di Bari un vero gioiello.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *