I sovrapprezzi: le compagnie che ci piace odiare.

    ancillary revenuesCi sono vettori che si prestano più di altri a rendersi antipatici ai passeggeri, e non stiamo parlando solo della scomodità o del pessimo trattamento a bordo, ma anche e soprattutto di quella serie di sovrapprezzi, tasse, imposte ed elemosine richieste che fanno lievitare i prezzi pubblicizzati con tanta fanfara e così trasformati in trabocchetto per i clienti. Vedi spedizione bagaglio e bagaglio in cabina, prenotazione posti, sovrapprezzo sui posteggi e/o auto a nolo, cibo e bevande a bordo …

    Queste compagnie aeree, quasi esclusivamente low-cost ma non solo, hanno raccolto nel 2013 quasi 40 miliardi di euro in sovrapprezzi, con un incremento di 5 miliardi rispetto all’anno precedente e un incremento del 1200% rispetto al 2007 quando il concetto di LLC ha iniziato a solcare i nostri cieli.

    Che certi prezzi non siano quello che sembrano non è una sorpresa per nessuno, solo gli ingenui ancora ci credono, ma quello che sorprende è che in testa alla lista non ci sia più Ryanair: scesa al quinto posto mondiale e al terzo in Europa dopo Wizz Air e Jet2, la caposcuola è stata scalzata dagli alunni.

    Ecco la tabella percentuale, delle 10 compagnie vincenti (!) nel 2013, di ricavi ausiliari sul ricavato totale.

    1. Spirit 38.4%
    2. Wizz Air 34.9%
    3. Allegiant 32.6%
    4. Jet2.com 27.7%
    5. Ryanair 24.8%
    6. Tigerair 23.6%
    7. Jetstar 20.6%
    8. AirAsiaX 19.6%
    9. easyJet 19.2%
    10. AirAsia Group 17.6%

    2 comments for “I sovrapprezzi: le compagnie che ci piace odiare.

    1. July 24, 2014 at 10:14 am

      Il bello è che in questa classifica non compare la Southwest, la low cost per antonomasia.

      • michelemolinari
        July 24, 2014 at 10:17 am

        ma mi sembra di ricordare sia comunque entro le prime 20 …

    Leave a Reply

    Your email address will not be published. Required fields are marked *