Dieci ragioni per cui il Club Freccia Alata è un pacco.

AZ Freccia Alata

Guest post di Vola Alto, blogger di Area Transiti.

Avete faticosamente accumulato centinaia di migliaia di miglia Alitalia AZ, facendo spendere migliaia di euro alla vostra azienda, attivando dozzine di programmi fedeltà, scegliendo alberghi, carte di credito, distributori di carburante e negozi di elettrodomestici con l’unico obiettivo di intascare miglia, e ora volete godervi il vostro meritato volo in business a scrocco? Forse non sapete che …

1 – Biglietti premio in Business? Paga.
Sulla stragrande maggioranza dei propri voli Alitalia rende disponibile un solo posto in business per i biglietti premio. Quindi, se per caso pensavate di fare un bel viaggio negli Stati Uniti con un biglietto premio, dovrete andarci da soli o sganciare 2000-2500 euro per volare con qualcuno (moglie, fidanzata, amico, etc. …). Siccome è improbabile che uno voglia andare in vacanza da solo, ed è improbabile che vengano usati biglietti premio per altro che non sia andare in vacanza, ecco lì che Alitalia ha trovato il modo di guadagnarci. Vuoi un biglietto premio per due in business? Non c’è.

2 – Oppure fai una prenotazione creativa.
A questo punto ci sono quattro alternative: a) La moglie vola in business, il marito in economica, per dieci ore col sedile di quello davanti a tre centimetri dalle gengive. Bel premio.. b) Si vola su due voli separati (idem come sopra).  c) Un biglietto in business viene acquistato come biglietto premio, l’altro posto lo prendi pagando un biglietto in economica e facendo l’upgrade con le miglia. Possibile, ma carissimo, perché per avere l’upgrade bisogna acquistare un biglietto a/r in economica a tariffa piena (1000+ euro) e metterci sopra almeno 60.000 miglia. d) Un biglietto lo prendi come biglietto premio e l’altro lo paghi tutto.

3 – Upgrade? Dimentica. Quando avrete volato un numero improbabile di ore tra Roma FCO e Milano LIN e sarete entrati nel “Club Esclusivi” Ulisse (benefit veramente inesistenti) o Freccia Alata, secondo quanto pubblicizzato da Alitalia avrete diritto a un certo numero di upgrade in business. Quando poi proverete a riscattare il benefit scoprirete che: a) L’upgrade non vale per la Magnifica, cioè la classe business per voli a lungo raggio, l’unica che vale effettivamente la pena (a meno di non aver raggiunto l’irraggiungibile status “Freccia Alata Plus”). b) L’upgrade vale solo per alcune categorie tariffarie. Cioé nel 90% dei casi dovete pagare un biglietto in economica a un costo stratosferico, per poi avere l’upgrade. c) I posti disponibili per gli upgrade gratuiti sono limitatissimi, quindi nel rimanente 10% dei casi, non troverete posto. Alla fine l’incastro tariffa/disponibilità farà si che i 2-4 upgrade gratuiti che vi spetterebbero, non li vedrete mai. 

4 – Compagnie partner queste sconosciute.
Anche i biglietti premio sulle compagnie partner (SkyTeam) sono in numero limitatissimo e non sono prenotabili online, ma dovete chiamare voi il servizio clienti MilleMiglia e martellarli finché non vi trovano una soluzione.

5 – C’è sempre un codicillo.
I biglietti premio in business sono riscattabili solo sui voli diretti. E ciò limita le possibilità a quella manciata di città nel mondo ancora servite da Alitalia.

6 – Ah, le tasse.
Quando prenotate un volo premio, economica o business che sia, le tasse le pagate comunque a prezzo pieno. Il che significa che spesso – ad esempio su un Roma Londra – il biglietto premio costa come – o più – del biglietto prenotato e pagato normalmente.

7 – Le lounge più brutte del mondo.
Le lounge business di Alitalia sono le più brutte e povere di tutte le linee aeree occidentali. Provate a visitare le lounge di Roma FCO. Poi provate a visitare la lounge di Turkish Airlines ad Istanbul IST (per fare un esempio). Il paragone è umiliante.

8 – Gli upgrade solo sui voli internazionali, ma non troppo.
Gli upgrade gratuiti sono solo sui voli internazionali. Quindi se per caso avevate pensato – pur di godere del benefit – di fare un giro sulla confort Roma-Milano, ecco lì che c’è una regoletta che ve lo impedisce. Ma come detto prima, sui voli di lungo raggio (Magnifica) niente upgrade in business. L’incastro impossibile continua.

9 – Corsia preferenziale, binario morto.
Lo status “SkyPriority” ce l’ha praticamente chiunque abbia volato tre volte in un anno … o giù di lì. Quindi nella fila per l’imbarco prioritario – almeno sul Roma-Milano – di solito c’è più gente che nella fila “comuni mortali”.

10 – Lì fuori c’è un mondo.
Se invece di accumulare miglia Alitalia, scegliete il programma fedeltà di British Airways (o anche quello di Air France, che è sempre SkyTeam), scoprireste le compagnie aeree normali, di paesi normali, offrono una quantità di biglietti premio, in business o in economica, e di upgrade, sui voli propri o su quelli dei partner, infinitamente superiori a quelli messi a disposizione di Alitalia. L’ho provato personalmente prenotando i voli per la prossima estate. Con gli Avios di British ho prenotato dei voli mutitratta di American Airlines, in combinazioni diverse business/economica, per me e per mia moglie, direttamente online, senza alcuno sforzo. Ho provato per ben due volte a coprire delle tratte usando le miglia Alitalia con Delta (partner Alitalia) e la risposta della signorina del call center è sempre la stessa: non c’è disponibilità, mi dispiace …

.

Leggi anche: il Companion al primo colpo: Biglietto Premio + Companion con Alitalia e American Express

43 comments for “Dieci ragioni per cui il Club Freccia Alata è un pacco.

  1. RACHELE
    May 9, 2014 at 4:03 pm

    Mitico Molinari !

  2. daniela-b
    July 12, 2014 at 2:24 pm

    Ciao Michele, anche io sono una “fanatica” di raccolta delle miglia, le recupero praticamente dappertutto, Amex, Vodafone (ora non più purtroppo) ecc., e devo dire che l’anno scorso sono riuscita ad avere 3 biglietti in Business tutti insieme per le vacanze con la famiglia a Cuba in Agosto (volo comodissimo, anche mio figlio di 12 anni era in Business), su voli Air France e Klm, quindi a volte si trovano, e le file nelle corsie Sky Priority sono sempre state un quinto di quelle standard. Ora per esempio sono riuscita ad avere un biglietto per Los Angeles in Classica Plus Alitalia praticamente sottodata. L’unico neo è che gli upgrade si possono avere solo sui voli Alitali, e non su quelli dei partner. Ti consiglio comunque di insistere perché ogni tanto qualche miracolo accade.
    Saluti

    • michelemolinari
      July 12, 2014 at 3:39 pm

      Ciao Daniela,
      ti ringrazio molto per la testimonianza controcorrente hehehe … mi sono sempre piaciuti i diversi punti di vista.
      Grazie anche per la speranza che dai: sono stato per anni un fedele Sky Miles con Delta, ma ho in animo di passare ad AZ per praticità logistica e connessioni di carte varie, Amex, Intesa, PayBack … non ho ancora fatto il salto, ma dopo il tuo commento il guado mi sembra più stretto 🙂
      A presto in questi luoghi e buoni voli.

  3. July 24, 2014 at 10:04 am

    Leggendo l’articolo noto una certa differenza sia in termini di approccio, che di “target”: sembra che l’aspetto più importante siano i biglietti premio.

    Parlando da CFP, il mio approccio è completamente diverso, per me i biglietti premio sono un aspetto marginale dell’appartenenza ai Club Esclusivi. La possibilità di entrare gratuitamente nelle lounge, spedire un bagaglio in più, non dovermi preoccupare di millemila cose per un intero anno solare sono cose per me più importanti. E i privilegi si estendono non solo al network di Alitalia ma all’intero network SkyTeam.

    Per un volo con la Delta (poi non effettuato a causa di una cancellazione) ho potuto usufruire di uno sconto del 50% per il passaggio a Economy Comfort, sia per me che per chi viaggiava con me. Questo è solo uno dei tanti esempi.

    Il CFP, inoltre, può designare un socio MilleMiglia e farlo diventare CFA per un intero anno: un vantaggio sicuramente non trascurabile. Il CFP stesso ha lo status ULS minimo garantito per l’anno successivo.

    Che il programma MilleMiglia non sia perfetto, purtroppo si sa da tempo. Il problema, in Italia, è che di fatto non c’è una concorrenza in termini di fidelizzazione, non c’è un vero stimolo per migliorare e quindi i difetti del programma stagnano. Se Ryanair ed easyJet avessero un programma di raccolta miglia, Alitalia avrebbe dato una spinta non indifferente al MilleMiglia, stimolata appunto dalla concorrenza. Negli USA, dove la concorrenza c’è e si sente, i programmi di fidelizzazione hanno raggiunto ottimi livelli: il TrueBlue di jetBlue, per esempio, oltre ad avere una piattaforma social consolidata, garantisce biglietti premio a partire da 5.000 punti più 2.50$ di tasse e commissioni. Un po’ come se un biglietto premio Alitalia costasse 5.000 miglia a tratta più 1.50€, un abisso rispetto alle 12.000 miglia minime attuali più le tasse che spesso sfiorano i 50€.

    • michelemolinari
      July 24, 2014 at 10:08 am

      Francesco cos’è un CFP e un CFA, e un ULS?

      • July 24, 2014 at 10:16 am

        CFV: Freccia Alata Plus Per Sempre
        CFP: Freccia Alata Plus
        CFA: Freccia Alata
        ULS: Ulisse

        Sono i codici triletterali utilizzati per codificare l’appartenenza ai Club Esclusivi. Se ci fai caso compaiono anche sulle carte d’imbarco. 🙂

        • michelemolinari
          July 24, 2014 at 10:19 am

          e come si fa a raggiungere un CFV … a parte un familiare al posto giusto ;), tra l’altro suona molto romantico … per sempre!

          • Filippo D.
            January 4, 2015 at 5:22 pm

            Per diventare socio CFV devi mantenere per 10 anni consecutivi il più alto status MilleMiglia.

    • guido
      September 24, 2016 at 2:39 pm

      Condivido totalmente quanto hai scritto sono da poco un CFA e mia moglie ULS da anni riesco a trovare 2 biglietti premio in business sia alitalia sia con partner pertanto il fatto che sia disponibile solo un biglietto è una bufala.
      Inoltre questa estate in un volo in tunisia mia moglie aveva il bagaglio che eccedeva i 23 KG,molto gentilmente al check in Le hanno fatto notare che avrebbe dovuto pagare 100€ di supplemento ma essendo ULS poteva imbarcare 2 bagagli pertanto ha spostato un poo di peso nel trolley che ha spedito e pagato nulla.
      Certo i programmi di fedelta’ non sranno perfetti ma meglio che niente.
      A gennaio grazie al biglietto “companion” di American express andiamo in due a Rio spendendo 120.000

  4. nico gassi
    September 20, 2014 at 6:02 pm

    Ciao, potresti spiegarmi il discorso
    – Lo status “SkyPriority” –

    io ho viaggiato con Alitalia piu di 20 volte nelle ultime settimane, dovrei rientrarci?
    grazie!

    • michelemolinari
      September 20, 2014 at 7:50 pm

      Ciao Nico,
      Per raggiungere SkyPriority 20 voli non sono sufficienti, ne devi fare almeno 30 in 1 anno da gennaio a dicembre, oppure accumulare 20.000 miglia per raggiungere lo status Ulisse. I bonus conquistati con i voli delle ultime settimane, e pure con i prossimi se volerai ancora, ti vengono però riconosciuti nell’anno successivo … porta pazienza ancora un po’ 😉
      Buon volo!

      • Filippo D.
        January 4, 2015 at 5:31 pm

        Questo articolo fa acqua da tutte le parti.
        Allora perché nell’articolo si scrivono cose inesatte dicendo che si è skypriority dopo 2 voli l’anno?
        1. Si è soci skypriority quando si ha lo status Elite Plus Skyteam ovvero quando uno diventa socio CFA (Freccia Alata). Un socio Ulisse, ad esempio, non puoi usare il varco skypriority. quindi per avere a disposizione i servizi skypriority devi fare almeno 60 voli l’anno… non 3.
        2. su ogni volo alitalia in business, come c’è specificato nel regolamento, come minimo devono esserci disponibili tre posti premio. Quindi non è vero che ce n’è solo uno.
        3. Gli upgrade riservati ai soci freccia alata sono disponibili non sulla tariffa più alta disponibile (ovvero la Y full fare) ma sulle classi Y,B,M,H classi quindi più economiche. La disponibilità della classe business è la I, che ha una medio-alta disponibilità.
        Per quanto riguarda gli upgrade in miglia, oltre alle 4 classi precedentemente enunciate si possono richiedere anche sulle classi K,V,T classi ancora più economicamente parlando vantaggiose, leggermente sopra le tariffe più economiche.
        4. Le lounge: da migliarare, vero. Ma stanno facendo passi da gigante: avete per caso visto la nuova lounge Alitalia Dolce Vita a FCO? E’ una cosa eccezionale, catering di alto livello, buone poltrone, banchi check-in e addirittura un simulatore di volo con un istruttore disponibile…che dire? Una delle lounge più belle.
        p.s.: da 1 anno e mezzo CFA, 2 anni ulisse.

        • Giancarlo58
          January 19, 2015 at 8:59 pm

          Salve a tutti.
          Mi inserisco in questo forum per confermare tutte le difficoltà incontrate da MicheleMolinari. Sono 3 anni che provo inutilmente a prenotare 2 biglietti premio in Magnifica (1 miglia premio + 1 Companion Amex) sulle tratte americane Los Angeles ed in alternativa Miami. Nel mio caso le limitazioni sono ancora maggiori perché non posso avere classi diverse tra andata e ritorno e sono obbligato ai voli effettuati direttamente da Alitalia. Una sola volta ho trovato disponibilità per 2 posti all’andata ma mai sul ritorno. Ho quindi optato per altre tratte vacanziere sicuramente meno frequentate come CARACAS e RIO DE JANEIRO. In questi casi la disponibilità era talmente elevata che potevo tranquillamente scegliere le date di andata e ritorno senza problemi. Anche quest’anno ho provato a prenotare per l’America senza riuscirci.
          Per quanto riguarda gli upgrade in business come appartenente al Club ULISSE non sono invece mai riuscito ad utilizzarlo per indisponibilità dei posti a disposizione nelle tratte a medio raggio.
          Se è vero che le lounge Alitalia non sono sempre ad alto livello è pur sempre vero che le sale SkyTeam a disposizione negli altri scali sono comunque utilizzabili.

          • michelemolinari
            January 20, 2015 at 2:12 pm

            Ciao Giancarlo, grazie per partecipare al dibattito.
            Solo una precisazione, questo post non è mio ma di Vola Alto, blogger di Area Transiti.
            Buon volo!

          • GF
            May 7, 2015 at 11:32 pm

            sarò fortunato, ma… per 2 volte sono andato negli USA con il Companion Amex – 1 Caracas – 2 Buenos Aires – 1 Dubai [sempre in magnifica] ed ho sempre trovato posto, magari non proprio la data che volevo io, 2gg prima l’andata e/o 3gg dopo il ritorno, ma ho trovato. Ovvio che deve essere preso per tempo, per tempo intendo mesi e mesi prima…. IDEM ANCHE CON AIR FRANCE a meno che non sia una tratta/periodo molto coperto o sf*g@*o. Con Flying Blue c’è di bello che ogni mese ci sono sconti di miglia per determinate destinazioni, io e mia moglie ne abbiamo approfittato un paio di volte, periodi di ‘bassa stagione’ ma per noi andare in Malesia a Maggio per fare sub è l’ottimale! Attualmente sono solo Alitalia, mia moglie continua con AF, io ho il conto azzerato. Sono con AZ solo ed esclusivamente perché ho AMEX oro, la uso spesso, ogni anno companion e mai pagato la quota [finora] perché supero i 15mila. Probabilmente se dovessi avere l’Amex senza Alitalia o viceversa non credo che avrei nessuna delle due. NON voliamo a tuti costi AZ e/o Skyteam, ma sebbene andiamo spesso in Sud East Asia, non ci passa per la testa fermarmi ad Abu Dhabi per andare a Singapore o Bangkok, fatto una volta quando Alitalia volava ancora a Dubai, mai più, non ha senso spezzare il viaggio in quel modo, ti stanchi molto di più. Piuttosto pago anche in più e volo diretto via CDG/AMS ma non ho poi bisogno di un giorno intero per riposarmi! Oppure, frega nulla delle miglia se il risparmio è notevole, ad esempio tariffa trovata oggi per il prossimo dicembre, con turkish risparmiare 400+ euro a testa per andare da Bologna a Kuala Lumpur!! con 400 euro a testa facciamo una settimana in B&B in 5 stelle in Malesia. A proposito di sale… la prox volta, già scritto molto.

          • michelemolinari
            May 8, 2015 at 8:49 am

            Buongiorno Giancarlo,
            e allora buon volo con Turkish!
            Pure io valuto se lo sconto vale più delle miglia, e sembra che Bologna ultimamente regali grandi soddisfazioni: la settimana scorsa ho prenotato un New York via Londra, British e Virgin, in business a 700€ meno che con Magnifica di Alitalia.
            Confermo che Amex Oro e AZ sono una splendida accoppiata sia per i companion ticket che per le miglia qualificanti, e sono d’accordo con te sull’assurdità di fare 2 stop, se uno non parte direttamente da Roma FCO, per arrivare nel Sudest Asiatico … ma prima o poi lo capiranno che se vogliono intercettare anche quei passeggeri devono mettere dei voli diretti dall’Italia.
            Alla prossima 😉

  5. Antonio
    February 9, 2015 at 6:18 pm

    Molto interessante. Ho un quesito.
    Io ho la carta freccia alata. Scadrà fra poco meno di un anno.
    Volo spesso Air France e fino a poco tempo fa sulla carta d’imbarco Air France compariva la dicitura “CFA” e “Sky Priority”.
    Da qualche tempo sono entrambe sparite. Ritrovo solo il mio numero millemiglia. Ma niente più sky priority. COn la conseguenza che a Charles de Gaulle mi fanno un sacco di storie.
    Sapete se per caso c’è stato qualche cambiamento? Magari legato alla nuova allenaza di Alitalia?
    Grazie.

    • michelemolinari
      February 9, 2015 at 6:49 pm

      Ciao Anthony.
      Tutte le carte Alitalia scadranno alla fine del 2015, per ragioni legate alla legislazione italiana, come puoi leggere qui. Speriamo che con il cambio societario di Alitalia Loyalty (leggi qui), la società che gestiva MilleMiglia, cambino anche queste regole.
      Per quanto riguarda il tuo problema bisognerebbe sapere esattamente da quando non appare più la dicitura CFA e SkyPriority, forse non sei più Freccia Alata ma sei scalato ad Ulisse? Non saprei dire. Ti consiglio di chiamare direttamente MilleMiglia e chiedere delucidazioni: 06 65644. Poi, magari, fammi sapere 🙂
      Mi sento però di escludere che il problema sia dovuto all’ingresso di Etihad in Alitalia, dato che nel recente business plan (leggi qui) è previsto un rafforzamento dei legami con i partner SkyTeam.

  6. Ettore
    April 27, 2015 at 3:13 pm

    Solo ora, 27 aprile 2015, mi è capitato di leggere questo ampio scambio di opinioni sui Club Alitalia. Premesso che io sono Freccia Alata Plus da quando è iniziato credo 2006 o 2007 ( ed ad oggi un solo anno sono stato Freccia Alata) da sempre non ho avuto alcuna difficoltà a prenotare viaggi premio in business sia con Alitalia che con partner Sky Team. Per la precisione, ovviamente prenotando con congruo anticipo, ho volato sempre in Magnifica per New York, Chicago, Miami ( anche in tre persone insieme sullo stesso volo), Los Angeles, Hawaii, Buenos Aires, Tokyo, Toronto ed altre destinazioni. Oltre ad aver usufruito in tutto il mondo dei privilegi offerti dallo status di Sky Team Elite plus, non credo quindi sia corretto esprimere giudizi avventati solo perché tutto ciò che è italiano funziona male. È’ necessario solo documentarsi ed essere informati sulle regole dei programmi premio ai quali si partecipa.

    • michelemolinari
      April 27, 2015 at 3:38 pm

      Ciao Ettore, concordo con te: non tutto ciò che è italiano funziona male … e viaggiando ci si rende conto che a volte è pure vero il contrario. Ci sono margini di miglioramento in molti aspetti, ma questo è un altro discorso.
      Sono Freccia Alata solo da quest’anno, prima sono stato per molti anni con Delta, pure Platinum, e, in linea di massima, non ho mai avuto problemi a prenotare voli con le miglia. Ho volato con miglia DL sia su AZ che su AF, per il Nord e Sud America e credo che la chiave vincente sia la flessibilità sulle date e, soprattutto, la pianificazione con anticipo.
      Ho contatti sparsi per il mondo che prenotano biglietti omaggio un anno per l’altro, mi rendo conto che molta gente non abbia tale controllo sul proprio calendario, ma non va mai dimenticato che le miglia a disposizione dei viaggiatori sono miliardi nei vari programmi di frequent flyers … che vuole dire che c’è una concorrenza enorme per quei posti disponibili contingentati.
      Fino ad ora ho usato miglia AZ solo per un volo da e per Buenos Aires: con 5 mesi d’anticipo ho trovato posto in Magnifica nelle esatte date che cercavo e anche le tasse richieste mi sono sembrate nella media delle altre maggiori compagnie mondiali.

  7. alessandro
    May 4, 2015 at 1:13 pm

    Il club Millemiglia non e’ perfetto, ma fino ad ora mi sono trovato bene.

    Gli anni che sono stato CFA era molto meglio. Assistenza continua e buoni sconto al minimo problema.

    Comunque per le prenotazioni dei premi bisogna muoversi in tempo.

    alla precedente scadenza ho prenotato con un anno di anticipo.

    ma tutti i voli mi sono stati dati. anzi.

    Forse non lo dovrei dire….
    ma in magnifica da italia in america sono 80mila. per il giappone invece 120mila.

    e’ consentito uno stop over.

    quindi abbiamo chiesto un volo per le Hawaii…via tokyo.

    quindi con solo 80mila abbiamo fatto giappone e Hawaii

    poi un altro in premium italia-seattle-lasvegas-losangeles-italia con 65mila

    Basta conoscere bene le tratte ed adattarsi.

    Peccato invece che le miglia companion invece si possono usare su voli alitalia 100% e si e’ limitati.

    Altro trucco (ma ultimamente non lo stanno facendo)

    e prenotare con le miglia quando ti restituiscono il 25-40% delle miglia. usando il companion si viaggia con poche miglia

    esempio

    magnifica in america 80mila companion 160mila (80mila date da amex)

    ti restituiscono il 40% ossia 64mila, netto= 16mila miglia per due persone in magnifica.

    (ripeto questo era facile fino a qualche anno fa ultimamente non e’ capitato)

    • michelemolinari
      May 8, 2015 at 8:38 am

      ciao Alessandro,
      anche tu confermi che uno dei requisiti è muoversi con anticipo, a volte molto anticipo.
      Grazie per le dritte … ne faremo tesoro 🙂
      buon viaggio

  8. AlessioC
    June 4, 2015 at 11:25 am

    Ciao a tutti,
    leggo solo oggi questo post interessantissimo; per lavoro viaggio una volta al mese verso l’America, ho lo status di CFP e adopero anche una carta platino amex alitalia.
    All’inizio si è molto spaesati quando si entra nel mondo MM, devo ammettere che anche io il primo anno ho avuto delle difficoltà a prenotare ed a giostrarmi tra i mille cavilli come classi di prenotazione particolari per upgrade etc.
    Quello che ho capito è che il frequent flyer, non è il turista occasionale, è qualcuno abituato a viaggiare, qualcuno che sa organizzarsi e che giustamente deve farlo per usufruire dei mille vantaggi che derivano dal suo status.
    Ho imparato a prendere un companion sempre per il periodo più lontano prenotabile disponibile, ho appreso che se voglio usufruire di un upgrade devo prima chiamare Alitalia chiedere se sono disponibili upgrade su quel volo e poi prenotare la classe adatta.
    Insomma sono molto felice del mio status e continuo a spendere di più per un biglietto per accumulare miglia alitalia.
    Chi si lamenta impari a viaggiare, come per strada c’è troppa gente con la patente incapace a guidare la macchina così in volo c’è troppa gente con privilegi che non si merita. Leggete gli opuscoli, chiedete, informatevi e capirete che le cose sono molto semplici bisogna solo accendere il proprio cervello, cosa che oggi è sempre più rara.
    Saluti

    • Ettore
      June 4, 2015 at 5:05 pm

      Ciao sono Ettore credo di essere stato il primo a difendere Alitalia e il suo Programma FF sono totalmente d’accordo con te solo che ho cercato di essere un po’ più delicato di te nei confronti dei partecipanti al blog, comunque visto quanto hai scritto aggiungo che coloro che protestano e contestano non lo prendessero proprio l’aereo, andassero a piedi così non hanno alcun problema tranne quello di non arrivare mai

      • michelemolinari
        June 11, 2015 at 6:47 pm

        Alessio, Ettore, mi piace quando la conversazione si … scalda 🙂

  9. nava flavio
    November 3, 2015 at 1:48 am

    l’articolo e’ inesatto sebbene a volte i disservizi alitalia ti facciano perdere molto tempo
    io sono un frecciaalataplus da 5o6anni e devo dire che ho sempre volato con mia moglie con biglietti premio business con air france -klm – corean – delta x destinazione come hawai los angeles tokio ecc quindi non e’ vero che alitalia non da biglietti premio con compagnie ski team anche i vaucer sono spendibili x up grade ad esempio il26 dicembre voleremo a rio in magnifica con utilizzo vaucer , e’ ovvio che le prenotazioni x biglietti premio devono essere effettuate x tempo .
    x quanto riguarda up grade 20 gg fa avevo un biglietto economy x ny al desk del gate a malpensa ho chiesto se cera un posto libero in magnifica e mi e’ stato concesso di volare in magnifica senza decurtarmi miglia ,al contrario 1 settimana fa arrivando su roma da shangai sul volo in connessione x milano mi hanno applicato un downgrade da business a economy ma mi e’ già arrivata una mail di scuse dalla relazione clientela freccia alata plus x il rimborso della tratta tutto sommato credo che il servizio funzioni l’unico problema sta nel fatto che alitali sul lungo raglio a pochi voli diretti

    • michelemolinari
      November 3, 2015 at 8:56 am

      Buongiorno Flavio, il post riporta l’opinione, e le personali esperienze, di Vola Alto, guest blogger … molti altri blogger hanno avuto esperienze diverse e positive, come la tue 🙂
      Sicuramente uno dei segreti sta nel giocare d’anticipo, ma non solo in Alitalia, con tutte le compagnie, perché i posti contingentati per i FF si esauriscono in fretta.
      Cosa intendi per i voucher? Parli dei biglietti “accompagnatore” che vengo dati, ad esempi, ai titolari Amex?

  10. Federico
    December 13, 2015 at 1:02 am

    Una considerazione!
    Ho notato che prenotare i voli premio con Flyingblue (programma airfrance-klm) costa molto meno di alitalia.
    Per chi è iscritto ad entrambi i programmi come me, basta fare una semplice simulazione di prenotazione biglietto premio su flyingblu e poi su alitalia: il primo sito chiederà un numero di miglia e un costo in euro sensibilmente inferiori al sito alitalia (la simulazione è stata fatta ovviamente sugli stessi identici voli, sia come giorno, ora e tratta!).

    Quindi la domanda è: considerato che il network è lo stesso e che quindi io posso prenotare (previa disponibilità) qualsiasi volo skyteam, perchè mai dovrei pagare di più e consumare più miglia se posso farlo con meno usando un altro partner?

    Fate una prova voi stessi!
    Cercate un semplice Milano – Parigi (scegliete una data e un volo a caso) prima su airfrance e poi scegliete lo stesso identico volo e giorno su alitalia e vedrete che le miglia richieste da AF sono un po meno di quelle chieste da AZ, e che le tasse richieste dalla prima sono addirittura la metà (e a volte sono azzerate!!!) rispetto ad AZ.

    Mi chiedo solo se chiamando il customer care AZ (passaggio obbligato purtroppo, in quanto sul sito alitalia non si possono prenotare bigl premio skyteam ma solo az) i prezzi non siano diversi dal prenotare direttamente dal sito airfrance.

    Comunque è assurdo!!

    • michelemolinari
      December 13, 2015 at 3:51 am

      Ciao Federico, interessante caso il tuo. Però, a questo punto, mi sorge una domanda: l’areomobile della tua simulazione è un AZ o un AF? … Probabilmente influisce sulle tasse etc.

      • Federico
        December 13, 2015 at 5:27 pm

        michele stesso aeromobile (sempre AZ!!), stessa classe.
        anche perchè, non so se lo sai, sul sito AZ non puoi avere biglietti premio di altre compagnie ma solo AZ. per le altre devi chiamare.
        e quindi una volta scelti i voli alitalia, mi sono sincerato che anche su flying blue stessi scegliendo gli stessi identici voli (dove c’è scritto: Operated by Alitalia)

        ti dico di più: ho simulato altre tratte a caso, in altri giorni e succede sempre: con Flying blue paghi lo stesso identico volo sempre almeno 50 euro in meno di tasse.

        A me sa di truffa.

        Nessuno di quelli che leggono è iscritto ad altri programmi Skyteam? se si potete sincerarvi pure voi di questa strana anomalia? Grazie.

  11. francesco
    February 4, 2016 at 6:56 pm

    Buonasera a tutti. Leggendo i commenti della nostra povera Alitalia devo dire che non sono molto incoraggianti. L’ unica cosa ha favore che posso fare è condividere la mia esperienza. Ho scelto da un paio di anni solamente di fare parte del programma Millemiglia, prima volavo solo UNITED soprattutto per gli USA e devo dire che tranne le tasse bassissime che si paga per un biglietto premio (circa €50!! andata-ritorno) il resto lounge…code…etc..non è da meglio. Anzi devo dire che Alitalia sta veramente cercando, seppur lentamente, di allinearsi con le alre compagnia. Credo che anche per questo ci vogliano meno miglia per raggiungere mete come SUD AMERICA o anche gli USA dove con 50000 e €280 voli andata e ritorno. Ricordiamoci che sono voli premio, e che per € 280 non ci si può poi lamentare cosi tanto!! Tra l’ altro un mezzo anno(volo molto) ero gia Ulisse, in una anno Alata e adesso Freccia Alata Plus! Non tutte le compagnia ti fanno arrivare cosi in fretta con miglia qualificanti. Inoltre, insisto, io ho utilizzo anche l’ American Express oro e con una spesa ridicola di €15000 l’ anno hai un biglietto premio nella stessa classe e giorno in cui voli tu(se ti interessa). Io ho volato il premium e business almeno 5 volte in SUD AMERICA e USA. Certo a volte non c’erano i posti ma bisogna essere flessibili un po….Addiruttura una settimana fa da Miami mi hanno dato ben 2 upgrade a Magnifica a bordo!! Ma cosa vuoi di più? Insomma io credo che le necessità delle persone sia diverse e i programmi sono achessi diversi, quindi funzionano per alcuni ma non possono funzionare per tutti! Detto ciò le Launge sono di solito SKYTEAM quindi non ci può essere differenza tra Air France e Alitalia, prova a fermarti alla SKYTEAM (DELTA) di New York o Miami, chiaramente è super piena sempre!! Idem per Fiumicino…ma magari dovrebbero ampliarle o aggiungerle…Detto ce ne sono molto meglio di Alitalia ma lamentarsi cosi è un po eccessivo….Saluti a tutti!

    • michelemolinari
      February 5, 2016 at 12:05 am

      Sono d’accordo! Gli sforzi fatti da AZ negli ultimi mesi sono notevoli e la biz è meglio di tante altre sia su nord che sud America: cibo, dimensioni poltrona full flat, privacy. Unico neo le lounge, ma c’è in atto un programma di ammodernamento. Con la Amex Gold Alitalia poi si accumulano 3 miglia qualificanti per ogni € speso in biglietti AZ e Freccia Alata Plus, con tutti i suoi vantaggi, non è piu così difficile da raggiungere.

  12. Rob
    March 1, 2016 at 6:06 pm

    Un saluto a tutti.
    Viaggio da molti anni e sono stato CFP,Senator LH, e Gold, Silver di varie compagnie.
    Secondo me quello che conta è la semplcità, la chiarezza e l’assenza per quanto possibile del famoso asterisco che vanifica ogni entusiasmo trasmesso con il marketing.
    Personalmente apprezzo molto la scelta di LH di dare la possibilità di pagare le tasse con un supplemento di miglia. Poi non vi dico la piacevole sensazione che ho avuto qualche anno fa quando in biglietteria in aeroporto a Seoul ho acquistato un biglietto Korean Air all’ultimo momento per il Giappone e mi è stato chiesto se volevo pagare tutto con le miglia o in contanti/carta di credito. Ovviamente ho pagato con le miglia e sono partito dopo un’ora.
    Se il giorno della partenza ci sono posti disponibili, l’upgrade con le miglia deve essere concesso in aeroporto o direttemente a bordo (vedi Emirates).
    Per quanto riguarda la nostra compagnia di bandiera alla quale sono affezionato, propongo di seguire gli esempi sopra riportati. Per il resto ogni volta che ho esibito nei posti più lontani la card con il logo Alitalia sono sempre stato accolto con un stupore e simpatia, piccole cose che assieme ad altre mi hanno fatto capire come il nostro paese e tutto ciò che lo ricorda venga considerato all’ estero speciale.

    • michelemolinari
      March 1, 2016 at 6:28 pm

      Ciao Rob, una voce fuori dal coro!
      Spezzo un’altra lancia in favore di AZ: giusto la settimana scorsa ho trovato un biglietto premio di andata e ritorno in economy per il Sudamerica con neppure 2 settimane di margine sulla data del volo e che mi è costato solo 80.000 miglia, volo diretto da Roma FCO in connessione con una città del Nord Italia, più semplice di così non si può! Unico neo le tasse da pagare, quelle in euro.

  13. Giampiero
    March 29, 2016 at 5:54 pm

    Buongiorno,
    sono CFA da due anni, e purtroppo devo confermare molte pecche del programma MM, se confrontato con altri programmi (usavo Continental, ora United). Intendiamoci, non è tutto da buttare, ma permangono delle limitazioni che per chi viaggia molto e ha potuto apprezzare altri programmi fedeltà, rimangono poco comprensibili.
    Innanzitutto, la maggior parte dei voli danno diritto solo al 50% delle miglia, anche qualificanti (quelle che danno accesso agli Status Ulisse, Freccia Alata, ecc..) quindi mediamente occorre volare fino al doppio degli altri programmi per raggiungere ad esempio lo Status SKY ELITE PLUS, se si vola spesso nelle classi più economiche. Se si vuole il 100% delle miglia, occorre prenotare almeno in classe T, e quindi spendere molto di più, anche il 40% in più di un volo nelle classi più economiche.
    Inoltre confermo le difficoltà nella prenotazione dei biglietti premio, con tanta buona volontà magari si riesce a trovare quello che si cerca, ma le limitazioni sono tante e i posti disponibili pochissimi. Da una compagnia che ambisce ad essere fra le migliori, mi aspetterei maggiore flessibilità, di certo un cliente non lo fanno sentire coccolato, se deve passare un giorno intero per azzeccare mille combinazioni di voli per utilizzare un biglietto premio a cui ha diritto. Confermo per gli Upgrade la stessa difficoltà, dei 4 a cui avevo diritto lo scorso anno, non sono riuscito ad usarne nemmeno uno. Anche perchè se ci provi due volte e poi non c’è mai posto, perdi anche la voglia di riprovarci.
    Fra l’altro, con Continental ogni 4 voli, avevo un upgrade gratuito in Business. Con Alitalia, forse non ne bastano 8, sempre che poi riesci a trovare posto eh..!
    La cosa sulla quale però devono lavorare di più, è il servizio MM. Spero che non vi dobbiate trovare nella necessità di risolvere un problema con le miglia, mai. Se si hanno dei reclami, ti dicono subito che non possono risponderti telefonicamente e ti fanno mandare una email. Possono passare settimane prima che ti rispondano (e a volte non rispondono!). Ad esempio: ho prenotato telefonicamente e ho richiesto una classe di viaggio che mi permettesse di avere il 100% delle miglia, mi è stato fatto pagare un sovrapprezzo rispetto al miglior prezzo disponibile in quel momento, se non che, non era una classe sufficiente ad avere le miglia! Può capitare un errore di un addetto, ma è inaccettabile che il servizio MM scarichi le responsabilità sul loro dipendente, o sul fatto che io non conoscendo bene le regole, mi sia fidato di lui. In sostanza, mi hanno fatto pagare un sovrapprezzo per niente, e miglia non assegnate.
    Non parliamo dei mancati accrediti di miglia, mai capitati con altre compagnie, e molto frequenti invece con Alitalia. Faccio richiesta, e mi viene chiesto di esibire la carta d’imbarco, di un volo fatto 3 mesi prima! mi rispondono che le miglia non possono essere accreditate. Dopo alcune email e telefonate, sono riuscito a farmi accreditare le miglia a cui avevo diritto. Bonus registrazione al programma MM? Anche quello mai accreditato, ha fatto a tempo a cambiare il programma, e dopo 4 anni dopo diverse email ho rinunciato..
    Sarò stato anche sfortunato, ma sistemare queste situazioni veramente ad una compagnia non costa niente, si tratta di dare le miglia che spettano a chi nè ha diritto, perchè deve essere tutto così complicato? forse per un vizio tutto italiano di dover complicare ogni cosa, e situazioni che normalmente all’estero verrebbero risolte in due minuti, magari con un regalo, e sicuramente con le scuse della compagnia, qui non vengono risolte, creano perdite di tempo e frustrazioni, che poi allontanano i clienti.
    Spero che la nuova gestione possa portare una maggiore vicinanza al cliente. Devo peraltro rilevare la gentilezza del personale di bordo e a terra, che quando possibile si fa in quattro per renderti il viaggio migliore possibile.

  14. Roberto
    September 10, 2016 at 5:20 pm

    Viaggio ogni settimana e spesso con Alitalia e trovo la maggior parte di questi punti falsi. Sono molto critico del servizio in generale e trovo che Alitalia sia la meno peggio di molto linee es. British, American ecc… I lounge di Alitalia a Roma fiumicino sono tra i piu belli che ho visitato in tutto il mondo. Peccato che esistono persone cosi ignornanti… non lasciatevi imbrogliare.

    • michelemolinari
      September 11, 2016 at 11:45 am

      Buongiorno Roberto,
      grazie per il tuo contributo.
      Quelle che hai letto sono le opinioni di un blogger che è stato ospite di fammi volare, ma come hai potuto leggere dai commenti ce ne sono tanti altri che la pensano diversamente.
      Io concordo, Alitalia, e nel caso CFA, non meritano tutte le critiche che spesso gli vengono imputate …
      Buoni voli!

      • GianFranco
        September 12, 2016 at 9:32 am

        NB il post è del 2014 e Casa Italia allora non era ancora in stato embrionale CMQ ancora oggi IST è nettamente superiore. Nella mia esperienza recente al T3 posso dire che la lounge ha meno posti a sedere, confermato anche da personale AZ, sarà che ho sempre preso giorni e/o orari sbagliati, ma trovato sempre solo aspettando da sedere, molti bambini correre, X carità nulla contro i bambini, però i genitori… Nonostante il NOTEVOLE IMPIEGO DI PERSONALE piatti, bicchieri e tavoli/tavolini sporchi ovunque posi l’occhio. Ok avrò sempre sbagliato giorno/ora? Colpa mia perché i miei voli partono alle 21/22? L’ultima volta sono andato di fronte, la prox forse invece passerò da CDG o AMS.
        Mi sembra che ultimamente si voglia cercare di rinnovarsi ma…… Come si dice dalle mie parti fare nozze con le lumache. Anche il restyling della Magnifica… da quando hanno cambiato i rivestimenti ho sempre sudato nel lato del corpo appoggiato, quindi NON TRASPIRA, c’entra nulla la temperatura cabina, e mai riuscito a dormire abbastanza NB FCO-BUE sono 13/14 ore!! Perché sempre costretto a trovare nuove posizioni. Riconosco che NOTEVOLI PASSI AVANTI sono stati fatti, ma i ritardi, seppur diminuiti, da FCO permangono ed i servizi a terra….
        Ok non si può rivoltare tutto in giorno, troppe forze in gioco (nn vado oltre)….
        Ultima nota, di ritorno da EZE ho sempre cenato benissimo, 15gg fa (in magnifica) beh! In passato ho mangiato meglio in economy!! È questa l’immagine che diamo dell’Italia? Cucina tipica (in certe mense ho mangiato meglio) e vini regionali (5 eur all’esselunga)
        Tsk tsk nn ci siamo nemmeno con il club, non si prorogano le scadenze cosi come hanno fatto. Forse Montezemolo, che ha sempre decantato LH quando era a Maranello, ha copiato solo gli aspetti negativi, come con LH ci troveremo presto scioperi perché la maggior parte dei ‘disservizi’ sono per colpa di personale scontento e con poca…. diciamo passione

  15. Giancarlo58
    October 6, 2016 at 5:50 pm

    Dispiace verificare che le diversità di opinioni e soprattutto di esperienze vissute vengano scambiate per ignoranza (mi riferisco al commento di Roberto del 10/09/2016). Personalmente confermo le difficoltà di trovare disponibilità in Business per le tratte del Nord America con il biglietto premio MM congiuntamente al Companion Amex. L’anno scorso ho provato FCO-LAX da gennaio senza successo optando per la classe Economy Premium con volo ad ottobre. Quest’anno invece, ho inutilmente provato a prenotare la classe Business su Città del Mexico e scelta finale su Economy Premium. La cosa più fastidiosa è stata tuttavia notare che la cabina destinata alla classe Magnifica aveva notevole disponibilità di posti, tanto che alcuni over-book dell’economy sono state dirottate in business sul volo di andata, e quasi completamente vuota su quello di ritorno

  16. Daniele
    November 12, 2016 at 1:08 pm

    Il cambiamento del programma avvenuto in Ottobre 2017 finalmente permette di prenotare online anche i voli dei partner.
    Ci sono pero alcuni aspetti estremamente negativi che mi hanno portato alla decisione di iscrivermi a Flyingblue di airfrance e lasciare definitivamente MM ( sono un FA)

    1. Adesso non sono più permessi gli stopover con i biglietti premio. in passato era ad esempio permesso fare un FCO-JFK-LAX con stopover a newyork per qualche giorno. ora non +

    2. Prima per fare un biglietto business per il nord America occorrevano 80.000 miglia, con AZ o con i partner.
    Adesso con i partner ne servono minimo 100.000

    3. È praticamente impossibile trovare posto sui voli Alitalia.
    Oggi ad esempio vendono biglietti max 11 mesi circa in avanti. Ammettiamo quindi che l’ultimo giorno di prenotazione sia il 10 ottobre 2017, che hanno cominciato a vendere oggi : impossibile che sui voli del 10 ottobre 2017 ( che e’ possibile prenotare a partire da oggi, non ci siano già’ + posti, in nessuna classe. Ho provato per diversi giorni di fila a prenotare dei posti in business per l’ultimo giorno messo in vendita. NON HO TROVATO MAI DISPONIBILITÀ. Questa e’ la riprova che Montezemolo e Alitalia ci stanno prendendo per il culo. A mio avviso ci sarebbero i presupposti per una class action. Nel regolamento MM ci dovrebbe essere chiaramente scritto quanti posti mettono a disposizione per tratta e per classe. Cosi fanno come gli pare.

    4. Si sconfina poi nella barzelletta quando la signorina del MM mi ha candidamente detto che per la tratta che volevo ci sarebbero si posti, ma a 735.000 miglia ( si si ho scritto bene) per persona in economy la sola andata !!!!! sarebbe il nuovo cash&miles : quello si che e’ una presa in giro macroscopica. Non ci credete ! Fate dabvoi una simulazione sul sito !

    5 ultima cosa che mi ha fatto stravedere.Scalo di AbuDhabi. Purtroppo chi detiene la FA non ha accesso a tutte le sale business ( non sto parlando delle sale first classe che sono altra cosa), ma solo ad una in tutto lo scalo. Per tutte le altre ahimè no, gli utenti Alitalia non hanno accesso!!!!

    Per il resto dobbiamo riconoscere che tante cose sono migliorate. La divisa, casa Italia, gli aeromobili, …..
    Ma e’ anche facile migliorare da una situazione di in cui ha veramente toccato il minimo !

    Come vi dicevo la soluzione io l’ho trovata. iscriversi al club di AF o Delta, alla faccia di Montezemolo, a cui evidentemente non gli frega un fico secco degli utenti

  17. Francesco
    February 25, 2017 at 7:09 pm

    Anche io non sono mai riuscito ad utilizzare un companion (già 4 persi). È una vera bufala all’italiana. Condivido tutti i post in negativo su Alitalia.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *